VisItaly, l’app per riscoprire i borghi d’Italia

Uno strumento smart per conoscere e valorizzare gli angoli più suggestivi del paese

La piattaforma digitale “VisItaly”, nata grazie al coordinamento e la vigilanza del Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani (ANCI-IFEL), ha come mission la valorizzazione del turismo in quanto strumento di crescita delle comunità locali, grandi e piccole. È stata presentata ufficialmente il 29 novembre 2019, presso la Sala Koch di Palazzo Madama (Senato della Repubblica), alla presenza del Ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ai Presidenti dell’Anci, Antonio Decaro, e della Fondazione Ifel, Guido Castelli, nell’ambito del convegno su “VISITARE L’ITALIA tra borghi e città” promosso ANCI-IFEL.

Navigando sulla piattaforma https://www.visitalymaps.app/ (accessibile anche con app da dispositivi mobili) è possibile trovare rapidamente informazioni dettagliate su comuni grandi e piccoli, conoscerne i luoghi di interesse storico e turistico, i musei e le attrazioni, avere un quadro aggiornato e in tempo reale delle attività culturali e ricreative offerte, con una mappatura che permette di raggiungerle rapidamente. Uno strumento che riduce la distanza tra turisti sempre più interessati a staccarsi dal circuito di massa, per scoprire destinazioni insolite e sorprendenti e comuni ricchissimi di tesori, che spesso restano nell’ombra di località più gettonate ma non certo più affascinanti.

All’interno della app lo spazio dedicato alle attività commerciali è gratuito e chi lo desidera può richiedere l’inserimento dati (foto, collegamento sito, ecc.) versando una tantum esclusivamente a titolo di rimborso per il lavoro tecnico di realizzazione scheda attiva.

«VisItaly vuole essere il motore di una originale enciclopedia delle istituzioni locali, della cultura e del turismo, per Rafforzare l’immagine del Paese dentro e fuori i confini nazionali» si legge sulla pagina informativa della piattaforma. Il suo obiettivo è «riunire i dati di conoscenza riguardanti le città piccole e grandi, i borghi ricchi di storia, la rete delle comunità di produzione e di servizi, con le molteplici tipicità di prodotto, dunque i luoghi e le bellezze d’Italia: dai Palazzi dei nostri municipi alle dimore storiche, dai musei civici e alle tante biblioteche pubbliche, dalle feste e tradizioni locali agli eventi in programma volta a volta. Miriamo pertanto a costruire un “punto di osservazione” su tutto ciò che rende unico il panorama del nostro Paese».

Da sempre attiva per la valorizzazione dei centri d'Italia con vocazione turistica e attenzione al rispetto dell'ambiente, Primaprint è stata presente al lancio della piattaforma.

29 Novembre 2019Tags: