Primaprint, stampare con il pollice verde fa notizia. In copertina su Il Poligrafico

Costruire il futuro sostenibile della stampa italiana è, da quasi 25 anni, la mission di Primaprint raccontata da Il Poligrafico

 

Primaprint, specializzata nelle arti grafiche, editore di Econews, è sempre stata un’azienda a vocazione ecosostenibile. “Ce l’abbiamo nel Dna aziendale”, ricordano Simonetta Badini e Maurizio Greto a chi chieda come nasca la precisa scelta di dedicarsi a una “stampa verde”. Una scelta coraggiosa ma vincente che dall’anno della fondazione, il 1991, ad oggi ha dato a Primaprint e a tutti noi grande soddisfazione, con riconoscimenti internazionali come il recente Oscar della stampa italiana, la Vedovella, vinto nel 2014. L’ultima gratificazione, in ordine temporale, è venuta dalla prestigiosa rivista Il Poligrafico, la cui copertina di aprile è dedicata a Primaprint e al nostro impegno nel costruire un futuro sostenibile della stampa in Italia. All’interno della rivista, una lunga intervista a Simonetta Badini e Maurizio Greto ci permette di raccontare le scelte e le innovazioni di questi quasi 25 anni di percorso.

Vi invitiamo a leggere l’articolo su Il Poligrafico. Intanto ecco qualche anticipazione.

Grazie all’intervista - a cura di Achille Perego - abbiamo ripercorso questi 24 anni, da quando nel 1991 abbiamo fondato Primaprint con l’intento di dare avvio a un’impresa stimolante e avvincente, all’insegna della tecnologia e dello sviluppo sostenibile. Gli anni successivi, quelli delle complesse fasi di crescita affrontate con un approccio resiliente verso i cambiamenti e le mutazioni del mercato, investendo costantemente in processi innovativi e al passo con i tempi.

Non poteva poi mancare il racconto del “fiore all’occhiello” dell’azienda, rappresentato dall’attenzione ai temi di tutela ambientale per i quali Primaprint ha ottenuto numerosi e prestigiosi riconoscimenti. Tra tutti teniamo a ricordare che nel 2011 il Ministero dell’Ambiente ci riconobbe quale migliore Pmi italiana del nostro segmento, conferendoci il premio Emas Italia 2011 ed entrammo in nomination per l’European Emas Awards con altre tre rappresentanze italiane.

E poi il presente che guarda al futuro: l’investimento nella innovativa macchina da stampa Komori GL-540H a cinque colori in formato 72x103 cm, dove la G sta proprio per Green, sono sempre andati nella direzione dell’innovazione.

21 Maggio 2015Tags: